Torna alla Home Page
Home page: Editoriale e news nazionali Associazione Feder Casalinghe: obbiettivi, storia, struttura nazionale e locale Sede Nazionale federcasalinghe Sedi Locali: tutte le sedi Federcasalinghe regione per regione News utili nazionali e locali aggiornate Progetto Mamma Day: festa della mamma di Federcasalinghe Contatta la nostra sede Centrale
News dalle sedi
Sedi Marche Sedi Abruzzo Sedi Lazio
 
LINK AMICI
 
 
logocortivo
 
pegaso
 
 
 

 

Sei il visitatore numero

Contatore accessi gratuito

 

 


NEWS

lettera a salvini

Fridays for Future

Federcasalinghe nella persona della Presidente Nazionale Federica Rossi Gasparrini, in occasione del Fridays for Future, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Sensibilizzare le coscienze sul futuro ambientale del nostro pianeta e sollecitare i nostri governanti a tutti i livelli affinché prendano velocemente provvedimenti seri e mirati. E’ questo lo scopo di Fridays for Future, un movimento mondiale formato da giovani e studenti, nato dal coraggio di Greta Thunberg, la 15enne svedese che ogni venerdì protesta davanti al parlamento di Stoccolma ed esorta le classi dirigenti a ‘darsi una mossa’ per fermare il cambiamento climatico. Una battaglia la sua, partita il 20 agosto scorso e che, in poco più di 6 mesi, si è trasformata in un movimento globale senza precedenti.
Il culmine dell’iniziativa oggi, 15 marzo, con una grande mobilitazione dal basso che vede praticamente coinvolto il globo.

Ed in un’ottica di partecipazione e mobilitazione, ritenendo che il cambiamento passi anche attraverso le donne, federcasalinghe dà il proprio sostegno convinto all’iniziativa, esortando chi di dovere ad intervenire tempestivamente per salvare il clima del nostro pianeta e quindi il nostro futuro. Le politiche ambientali devono divenire “buone prassi” a partire dal basso, dai contesti più piccoli per arrivare poi ai livelli centrali. Se ognuno farà la propria parte, insieme ce la potremo fare. Questo l’appello che come organizzazione femminile, e non solo, ci sentiamo di lanciare a sostegno del Fridays for Future”.

REDDITO DI CITTADINANZA: BENE IL GOVERNO

Federcasalinghe valuta positivamente il Decreto del Governo per il rispetto dimostrato verso le persone in difficoltà economiche, che il “Reddito di Cittadinanza” sosterrà per un percorso verso l’inclusione sociale.
Bene soprattutto per l’attenzione rivolta al “lavoro di cura” che il comma 3 dell’art. 4 esclude dall’obbligo del “contratto di lavoro”. Infatti le neomamme non saranno tenute a firmare tale contratto, pur avendo diritto al “Reddito di Cittadinanza”, se crescono figli sotto i tre anni o se assistono a tempo pieno “persone con disabilità grave o non autosufficienti”.

“Temevamo di dover ricorrere alla Corte Costituzionale a difesa delle neomamme” – dichiara Federica Gasparrini – “Ringraziamo il Governo che ha ascoltato le nostre richieste”.

WORK-SHOP OBIETTIVOFAMIGLIA/FEDERCASALINGHE
13 dicembre 2018 – ore 14.30 - Viale Pasteur n.77 – 6° piano
presso Associazione DOMINA – 00144 ROMA

"IL TUO SOGNO E’ AVERE UN’ ATTIVITA’ TUTTA TUA?"
TI AIUTIAMO A REALIZZARLO
TI AIUTIAMO A FARLO FINANZIARE


Questo evento si rivolge a tutte le persone che desiderano cavalcare i propri sogni e rendersi economicamente indipendenti. Persone che vogliono innovarsi e apprendere conoscenze utili a far crescere il proprio progetto.

Scoprirai:

  • Se la tua idea è commercialmente interessante;
  • Come trasformarla in un Progetto;
  • Come farla finanziare.

L’EVENTO E’ GRATUITO……NON MANCARE

COMUNICATO STAMPA
(Roma, 25/10/2018)

FEDERCASALINGHE: “UN MINISTERO PER LA CASA”

“Un Ministero per l’Edilizia Abitativa, che abbia competenze sia sull’edilizia privata che pubblica”. Questa la richiesta che Federcasalinghe lancia dal “Salone della Responsabilità Sociale” aperto a Napoli.

Da una nostra verifica risulta che, oltre il 90% degli italiani non sa che le competenze sull’edilizia della “casa” ricadono sotto il Ministero dei Trasporti e Infrastrutture. Questo dato dimostra chiaramente la deludente attività d’informazione, diffusione dati, coordinamento che l’attuale Ministero delegato compie.

Eppure l’insieme delle “case” rappresenta la prima e più importante infrastruttura italiana e conta 28 milioni 863.735 abitazioni, di cui 24 milioni e 500.000 abitate abitualmente. E’ noto come il Parco abitativo italiano sia vecchio:

  • Il 65% ha più di 30 anni.
  • Il 23% ha più di 50 anni.

In particolare quest’ultimo dato fa preoccupare, nella consapevolezza che le strutture in calcestruzzo armato, verso i 50 anni denunciano un veloce e pericoloso decadimento, che richiede d’obbligo interventi di consolidamento o addirittura di risanamento.

Un’emergenza tutta italiana è il mancato rispetto di molti Comuni a dotarsi di un piano regolatore. Questa realtà favorisce l’abusivismo edilizio, sempre più diffuso e in forte aumento negli ultimi cinque anni. La nota più dolente rimane l’edilizia abitativa pubblica, spesso in stato di grave degrado.

Nei palazzi che dovrebbero offrire un’abitazione civile alle famiglie italiane, si tollera da tempo occupazione abusiva, spaccio, violenza. Questo dimenticando colpevolmente la presenza di bimbi, costretti a vivere in una situazione di grave deprivazione dalla inconsistenza e irresponsabilità degli amministratori pubblici e dei politici.

In Italia la povertà abitativa è alta. Si calcola siano 1.700.000 le famiglie che necessitano di aiuto per avere un’abitazione decente. E’ un problema che deve essere affrontato e risolto con urgenza.

Un Ministero ad hoc, che permetta il riordino alle diverse competenze, oggi disperse in diversi Ministeri, e che possa parlare e finanziare:

  • legalità dell’abitare;
  • sicurezza della casa;
  • suo ammodernamento e recupero;
  • efficienza e risparmio energetico;
  • domotica;
  • denuncia delle situazioni di estremo degrado e richiesta di espropri;
  • prevenzione dalle avversità climatiche attraverso la cura del territorio.

“Questa la nostra richiesta – dichiara Federica Gasparrini.

“Per ottenere un “Si” non combatteremo sole”. “Il Primo passo è promuovere un “Tavolo di coesione sociale” che veda quali attori tutte le Organizzazioni che a vario titolo parlano di casa, di sicurezza, di edilizia e decoro urbano, di diritti dei cittadini, di rispetto dei minori”.

NOTA POLITICA

L’Associazione ha chiesto un incontro urgente al Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, On. Luigi Di Maio.

Nel testo del Contratto di Governo, al punto 14 dal titolo “Lavoro” c’è scritto: “Sul tema lavoro appare di primaria importanza garantire una retribuzione equa al lavoratore in modo da assicurargli una vita ed un lavoro dignitosi, in condizioni di libertà, equità, sicurezza e dignità, in attuazione dei principi sanciti dall’art.36 della Costituzione”.
Che cosa afferma l’art. 36 della Costituzione: “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a se ed alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”.

La Casalinga è una lavoratrice?   Si!

Lo affermano fra l’altro importanti Sentenze della Corte Costituzionale, della Cassazione e della Corte Europea e la Legge 493/99 voluta da tutte noi. Al di là dei diversi orientamenti partitici vogliamo vincere questa battaglia? Ci sono le condizioni per farlo. E allora, coraggio!

Diamo dignità alla MANAGER DELLA FAMIGLIA.

ROMA: COMUNICATO STAMPA DEL 28/04/2018
(Pubblicato da: La Presse e 9Colonne)

DATI ALLARMANTI USCITI DALLA RILEVAZIONE ISTAT

Sono dati estremamente allarmanti quelli usciti dalla rilevazione Istat sulle famiglie monogenitoriali con figli, costituite per l'86,4% dei casi da mamme. Ancora più preoccupante leggere che un terzo dei figli di queste mamme ha meno di 5 anni, e un ulteriore 42,7% ha un'età compresa fra 6 e 13 anni.

Inoltre – dichiara Federica Gasparrini presidente di Federcasalinghe – desta molta preoccupazione il fatto che quasi una madre sola su otto è in cerca di un’occupazione ma non riesce a trovarla. E c’è poi un 24,4% di mamme che sono fuori dal mercato del lavoro. E che, evidentemente, vivono degli alimenti che passa il padre dei loro figli”.

“E non è tutto – aggiunge la nota – dal momento che il 42,1% delle madri sole è a rischio di povertà o di esclusione sociale. Una percentuale che per chi vive in coppia si ferma al 29,3%. Ancora, l’11,8% delle mamme sole vive in condizioni di povertà assoluta. Una condizione che, evidentemente, riguarda anche i loro figli”.

FEDERCASALINGHE ALLA FIACCOLATA PER PAMELA

A MACERATA, alla fiaccolata per Pamela, ha partecipato FEDERCASALINGHE – con la presenza di Maria Pia Spicocchi – Presidente Provinciale di Ascoli Piceno.
Alla Stampa Maria Pia ha dichiarato: “Sono qui per testimoniare la vicinanza di tutta l’Associazione alla mamma di Pamela ed alla sua famiglia”.

Come difendere i nostri figli e tutti i nostri giovani dalla droga?

E’ questa la domanda importante che, come genitori e cittadini ci facciamo. E’ possibile che si permetta agli spacciatori di vendere morte fuori dalle scuole? Dobbiamo pretendere interventi costanti e severi.

Possiamo continuare a sorvolare sulla possibilità che alcune discoteche permettano di spacciare e usare droga al loro interno? Vanno chiuse.

Il dramma della morte terribile di Pamela è la parte finale di un percorso doloroso iniziato tempo prima.  Non sappiamo dove e su spinta di chi, abbia iniziato a drogarsi – ma diciamo un deciso basta!

Basta alla tolleranza, spesso stupida e cattiva.

Federica

immagine articolo

IMPORTANTE E POSITIVO INCONTRO A PALAZZO CHIGI
CON IL CONSIGLIERE GIURIDICO DEL PRESIDENTE ON. GENTILONI

 

Una delegazione formata da membri del Comitato Esecutivo Nazionale di Obiettivofamiglia/Federcasalinghe, guidata dalla Presidente Nazionale Federica Rossi Gasparrini, è stata ricevuta dall’Avv. Laura Tempestini, Consigliere Giuridico del Presidente del Consiglio dei Ministri.

"L’incontro è stato costruttivo e cordiale" - dichiara l’Associazione "La speranza concreta è che ci sia uno spazio per accogliere le proposte delle donne, soprattutto delle giovani mamme".

Le richieste avanzate sono collegate a due grandi tematiche:

  1. Tutela del lavoro familiare.
  2. Diritto delle casalinghe alla formazione e pari opportunità.

Nel dettaglio si chiede:

  1. Modifica della classificazione Istat che include le casalinghe fra le "persone non attive".
  2. Adeguamento della Legge 493/99 sull’assicurazione obbligatoria Inail a tutela dagli incidenti domestici.
  3. Riconoscimento alle neomamme di contributi previdenziali virtuali fino a 18 mesi del neonato (così come in molti Paesi Europei).
  4. In riferimento al Diritto alla Formazione: I dati Istat sul mondo delle casalinghe a tempo pieno, che sono al 95% madri, hanno evidenziato una forte necessità e richiesta d formazione, su due fronti:

a) Formazione e supporto al ruolo

b) Formazione specifica rivolta al rientro, quando scelto, nel mondo del lavoro retribuito nella creazione e gestione di piccole imprese familiari.

Il Consigliere Laura Tempestini, pur sottolineando la carenza di risorse economiche, ha tuttavia espresso un apprezzamento per le richieste avanzate che sono finalizzate alla sicurezza e crescita culturale/economica delle casalinghe.

Un nuovo appuntamento è fissato a brevissimo.

ROMA: COMUNICATO STAMPA DEL 05/09/2017
(Pubblicato da: AdnKronos, La Presse e 9Colonne)

FEDERCASALINGHE: CHIESTA MODIFICA DATI ISTAT

“I dati Istat riferiti alle persone “inattive” non sono corretti e non rappresentano la realtà italiana del mondo del lavoro” dichiara FEDERCASALINGHE. Secondo la terminologia è “inattivo” chi non cerca lavoro. Risulta evidente che i lavoratori non possono essere tout court inseriti in questa categoria. Quindi neanche le casalinghe che un lavoro ce l’hanno, e a tempo pieno.

Importanti Sentenze e leggi hanno formalizzato di fatto che
le casalinghe sono lavoratrici e produttrici di valore economico.


Pertanto le persone inattive in Italia non sono 13.467.000. A questo numero va sottratto il numero delle family manager certificato da Istat che risulta essere pari a 7.338.000.

Quindi il numero degli inattivi è pari a: 6.129.000.

Una nota di richiesta di modifica e correzione del dato “Inattivi” è stata inoltrata al Presidente Istat Dott. Giorgio Alleva.

 NUMERO “INATTIVI” DATI ISTAT

NUMERO CASALINGHE
DATI ISTAT

NUMERO INATTIVE/I CORRETTO
FEDERCASALINGHE

NORD

MASCHI

1.855.000

FEMMINE

3.085.000

TOTALE

4.940.000

2.659.000

2.281.000

CENTRO

MASCHI

852.000

FEMMINE

1.465.000

TOTALE

2.317.000

1.323.000

994.000

 

SUD

MASCHI

2.145.000

 

FEMMINE

4.065.000

 

TOTALE

6.210.000

3.355.000

2.855.000

 

 

DATI ESTRATTI 01-09-2017

13.467.000

7.338.000

6.129.000

 

| Home | |Chi Siamo| |Sede Nazionale| |Sedi Locali |News |Convenzioni
  Associazione Federcasalinghe - Obiettivo Famiglia - Sede Nazionale: - c/o Regus, viale Luca Gaurico , 9/11 - 00143 - Roma
Tel: 338 762 7321 - Fax: 0668868489 e-mail: federica.gasparrini@gmail.com - federcasalinghe.segreteria@gmail.com
P.Iva 01974981001 (In ottemperanza Dpr n. 404) - PEC: federcasalinghe@pec.readytec.it (in ottemperanza DLgs n.185 del 29/11/08)