Carissimi/e,

nel 1970, quando le Regioni divennero anche organismi legislativi, fu deliberata l’istituzione dei Consiglieri Regionali; pertanto, ai 945 Parlamentari eletti si aggiunsero, con potere legislativo, anche il migliaio di Consiglieri Regionali. Fu subito chiaro, e dichiarato dai Partiti, che sarebbe stato necessario ridurre al più presto il numero dei Parlamentari.

 

A 50 anni di distanza con il Sĺ al Referendum questa riduzione si realizzerà. Finalmente!

 

FEDERCASALINGHE è stata sempre un po’ rivoluzionaria e ha sempre guardato con fiducia le modifiche costituzionali volte alla modernizzazione del nostro Paese. Ricordo l’appoggio convinto al Referendum di Segni; quel movimento di Popolo ha portato ad importanti risultati:

  • elezione diretta dei Sindaci;
  • elezione diretta dei Presidenti di Regione.

Purtroppo il Parlamento non ha voluto rispettare la volontà popolare di avere anche l’elezione diretta del Presidente del Consiglio dei Ministri. Secondo me è stato un arbitrio ed un errore, ma il Parlamento si è arroccato sul suo potere e noi cittadini abbiamo dovuto subirlo.

 

PERCHE’ VOTARE Sĺ AL PROSSIMO REFERENDUM

 

Come sapete, sono stata Parlamentare, eletta alla Camera dei Deputati. La mia esperienza diretta non è stata positiva perché in un’Assemblea così numerosa, fatta di 630 persone chiuse in un palazzo, è quasi impossibile far sentire la propria voce e quella della categoria che si rappresenta. Portavo con me le speranze di milioni di donne, ma ciascun Parlamentare ha i propri obiettivi, ed è quasi impossibile stabilire reali rapporti di confronto necessari per arrivare a risultati legislativi comuni. Ricordo che molti Parlamentari avevano quale obiettivo: il finanziamento della fiera o festa del loro territorio, il reperimento di soldi per rilanciare la sagra delle cozze ecc. ecc.

Quando volevo parlare di famiglia e di maternità in molti mi guardavano meravigliati, dicendo: “ma ci sono già tante leggi a loro favore che cosa vogliono ancora!” Il primo momento di sconcerto lo ebbi ad inizio legislatura, quando andai a depositare i testi dei disegni di legge che, come Associazione, avevamo preparato. Ho scoperto che erano già stati depositati migliaia di disegni di legge perché, mi spiegarono i funzionari, i Parlamentari rieletti depositavano in modo automatico tutti i testi di legge precedenti, anche se mai discussi e vecchi di 20 anni. In questo modo il lavoro di Camera e Senato risulta subito intasato e tristemente inutile.

 

Dobbiamo cambiare e smettere di eleggere centinaia di persone che non conosciamo e non conosceremo mai!

Votiamo SI, per amore del nostro Paese.

 

Vi abbraccio,
Federica