Giardinaggio per principianti: ecco alcuni consigli da seguire per prendersi cura del proprio giardino

Giardinaggio per principianti: ecco alcuni consigli da seguire per prendersi cura del proprio giardino

Il giardinaggio è un’attività piacevole e rilassante, tuttavia non è semplice capire come iniziare nel modo giusto. Il punto di partenza, però, è comprendere cosa si vuole ottenere; le possibilità sono tante: un giardino, un orto, un angolo verde oppure una varietà di stili.

Fatto ciò, basta seguire qualche suggerimento per ottenere un buon risultato.

Avere gli attrezzi giusti

Il primo consiglio per approcciarsi al giardinaggio anche se si ha poca esperienza è avere a portata di mano tutti gli attrezzi che permettono di svolgere il lavoro in modo efficiente. Tra questi, uno dei più importanti è il decespugliatore, che permette di tagliare l’erba alta, i rovi e gli arbusti.

È importante scegliere il decespugliatore giusto in base alla propria esperienza: quelli elettrici e quelli a batteria sono semplici da utilizzare, nonché leggeri e maneggevoli, adatti ai principianti come a chi è ormai navigato; il decespugliatore a scoppio, invece, è potente e versatile, grazie alle diverse lame disponibili, ma richiedono un livello di esperienza maggiore.

Tra gli altri strumenti da giardinaggio indispensabili ci sono le cesoie, la pala da giardino, le tronchesi, il tagliaerba, ecc.

Preparare il terreno

Dopo aver acquistato tutti gli strumenti essenziali per il giardinaggio, è fondamentale procedere con attenzione alla preparazione del terreno per la semina. Bisogna, quindi, smuovere la terra con un rastrello, e rimuovere tutte le erbe infestanti utilizzando un tagliaerba.

È necessario, poi, impiegare un decespugliatore per raggiungere le aree più remote, prestando attenzione a rimuovere anche le radici per evitare che tali erbe possano ricrescere rapidamente. Un’altra operazione essenziale è la rimozione dei sassi di grandi dimensioni: quelli piccoli, invece, permettono il drenaggio dell’acqua.

Al termine di tutti questi procedimenti, è possibile aggiungere compost (ovvero materiale organico) e torba per arricchire il terreno di nutrienti e fertilizzarlo in maniera naturale.

Scegliere le piante giuste

Una delle parti più difficili del giardinaggio è scegliere le piante giuste. È possibile optare tra diverse varietà, ma è bene informarsi su quali sono adatte al tipo di clima e al terreno.

Ad ogni modo, se si ha intenzione di puntare sulle verdure, quelle consigliate sono solitamente la lattuga, i peperoni, i pomodori e i cetrioli, mentre le piante decorative più consigliabili sono la viola del pensiero, la dalia, le calendule, i girasoli e le zinnie, ovvero piante che possono raggiungere un’altezza fino a 150 cm e regalare dei fiori coloratissimi. Si tratta di ortaggi e piante molto facili da coltivare, e quindi perfetti per chi non ha molta esperienza.

Irrigare il suolo regolarmente

Tutte le piante, specialmente quelle appena nate e i semi, hanno bisogno di essere innaffiate quotidianamente, almeno fin quando le radici non saranno rinforzate e le piante cresciute. In seguito, bisognerà misurare il grado di umidità del terreno e agire di conseguenza. Un suggerimento utile è quello di controllare che i primi centimetri di terra siano asciutti prima di dare altra acqua. Inoltre, è bene prestare attenzione alle piante che appassiscono, specialmente durante le ore pomeridiane.

Durante la stagione calda, il consiglio principale è quello di irrigare sempre al livello del suolo ed a bassa pressione, per evitare che l’acqua possa evaporare a causa del caldo.