Giovedì 20 luglio l’Associazione incontra Alessandra Locatelli, Ministro per la Disabilità

Giovedì 20 luglio l’Associazione incontra Alessandra Locatelli, Ministro per la Disabilità

In video call, rappresentati e istituzioni per discutere della proposta di legge per il riconoscimento della figura del “CAREGIVER FAMILIARE”

In Italia sono oltre 15 milioni le persone che si prendono cura di parenti non autosufficienti. In Italia l’Assistenza familiare, per le persone non autosufficienti, è nella maggioranza dei casi affidata alle famiglie, ed in particolare alle casalinghe.

La stessa norma che definisce la figura del Caregiver prende a prestito le parole con cui la Legge 493/99 definisce la figura della casalinga. Ma un vulnus legislativo discriminante, che si è consolidato con l’applicazione delle agevolazioni previste a favore di “Caregiver familiare”, esclude proprio chi dedica a tempo pieno la propria attività all’assistenza familiare delle persone con disabilità: le casalinghe ed i casalinghi. Una assurda discriminazione, che ancora non siamo riuscite a sconfiggere. Dopo la Sentenza ONU che condanna l’Italia per la legislazione inadeguata e discriminante, il Parlamento ed il Governo sono chiamati a correggere, a breve, questa ingiustizia. Federcasalinghe la più rappresentativa Associazione delle persone che si dedicano a tempo pieno, gratuitamente, alla cura della famiglia ribadisce la richiesta di modifica legislativa.

PROGRAMMA

Federica Rossi Gasparrini
Presidente Nazionale Obiettivo Famiglia Federcasalinghe
Saluti:

Alessandra Locatelli
Ministro per la Disabilità

Intervengono:           
Valeria Ciarambino
Vice Presidente Consiglio Regionale Campania

Emanuele Monti
Presidente Commissione Sostenibilità sociale, casa e famiglia
Consiglio Regionale della Lombardia

Antonio Salvatore Trevisi
Senatore – Commissione speciale per l’esame degli atti urgenti presentati dal Governo
Testimonianze Caregiver Familiari

Dibattito

Conclude

Massimo De Luca
Consigliere Associazione Domina
Presidente Comitato Amm.re del Fondo INPS  di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari