Leadership al femminile: una possibilità da cogliere

Perché una leader può fare la differenza in ogni azienda

leadership al femminile

Essere leader è difficile, ma essere una leader donna lo è ancora di più. Secondo la ricerca Woman at the Top, redatta dal Boston Consulting Group e da Valore D, nel 2017 in Europa la media delle donne leader era pari al 29%.
I
n Italia, solo il 22% delle aziende aveva una leadership femminile, mentre nel 2018 (stando al report Woman in Business) la percentuale era salita al 34% nella nostra penisola

Se negli anni il dato è cresciuto non va dimenticata la disparità numerica che contraddistingue uomini e donne ai vertici delle aziende, che si mantiene uno dei dati più alti nel gender gap internazionale.

La cultura aziendale, infatti, è ancora oggi legata a stereotipi che relegano la donna a ruoli marginali o puramente esecutivi. Le cause sono, in parte, da imputare al diffuso pregiudizio di un’iper-emotività e di un’acuta sensibilità riferite all’ambito femminile, considerate incompatibili con la gestione di un’azienda. Inoltre, vige ancora lo stereotipo secondo cui per le donne è indispensabile dover scegliere tra carriera e famiglia.

Ma è davvero così? I modelli di leadership femminile che troviamo nella aziende pubbliche e private risultano vincenti proprio perché mettono al centro caratteristiche personali in grado di fare la differenza.

Scopriamo insieme il valore delle donne leader e capiamo come poter concretizzare le nostre idee sulla leadership femminile attraverso manuali e corsi dedicati al tema.

Le caratteristiche di una leadership femminile

leadership femminile

A rendere efficace una qualsiasi gestione aziendale è, prima di tutto, l’empatia: questo elemento, infatti, permette di creare una politica aziendale in linea con le richieste, le opinioni e le esigenze dei propri collaboratori, creando un clima di maggior serenità e soddisfazione nel gruppo di lavoro. Riuscire a immedesimarsi negli altri e, soprattutto, conoscere in prima persona le difficoltà nella gestione di lavoro e famiglia, rende chi sta al vertice più sensibile verso questi aspetti di welfare e assicura un costante dialogo fra i reparti e la direzione.

L’obiettivo primario di una donna leader dev’essere quello di mantenere un ambiente coeso, con una gestione rapida dei conflitti e una costante attenzione ai punti di vista altrui. Questo atteggiamento garantisce anche un continuo e positivo confronto fra punti di vista, proposte, idee e porta spesso alla creazione di nuovi metodi di gestione del lavoro o di nuove opportunità nel mercato.
La flessibilità e la curiosità devono essere in cima alla lista delle priorità di una leadership femminile vincente.

Un divario da combattere con perseveranza e determinazione

corso leadership al femminile

Secondo il rapporto sul Global Gender Gap del 2018, le donne italiane rappresentano la componente più istruita del Paese e, per questo, una risorsa di importanza cruciale nel mondo del lavoro. I dati parlano chiaro: il 60% dei laureati con lode è di genere femminile e per ogni 100 studenti iscritti all’università ci sono 136 studentesse. Le donne, in generale, concludono gli studi in maggior numero rispetto ai loro colleghi maschi, ma la percentuale di disoccupati (10% nel 2018) è di gran lunga inferiore a quella delle disoccupate (40% nello stesso anno). 

L’ostacolo più grande da affrontare per raggiungere ruoli importanti in ambito lavorativo è la maternità, ancora oggi al centro di dibattiti politici e sociali.

Secondo l’Istat nel 2019 il tasso di nascite del Paese ha raggiunto il -4%. Questa percentuale è da ricondurre, in alcuni casi, alla difficoltà di raggiungere le posizioni desiderate e alla conseguente rinuncia a fare progetti di vita. Laddove mancano stipendi, stabilità contrattuale e politiche di welfare aziendale, diventa complicato per ogni coppia scegliere di divenire genitori.

Favorire la leadership femminile, quindi, non significa andare contro la maternità nella sua visione più tradizionale, ma al contrario consentire a un maggior numero di donne di gettare le basi per la creazione di una famiglia, permettendo loro di raggiungere lo stesso livello di soddisfazione dei partner nella sfera privata e in quella professionale.

Corso di leadership femminile, un metodo per realizzare un sogno

corso di leadership femminile

Per dare ancor più valore alla leadership femminile e rendere le donne consapevoli del loro potenziale in azienda, esistono alcuni corsi dedicati che nascono per fornire ad ogni donna le basi per raggiungere i propri obiettivi.

I corsi di leadership femminile danno alle iscritte la possibilità di confrontare diversi modelli, traguardi e tipologie di gestione, in modo da costruire la propria carriera sulla base delle esperienze di altre donne. Possono essere corsi in aula, master universitari o privati e sono rivolti alle studentesse che ambiscono a imparare la gestione aziendale e farla propria. 

Destinati anche a donne già inserite nel mondo del lavoro, possono essere uno strumento per reinventarsi e creare un proprio progetto imprenditoriale sul modello di altre donne imprenditrici di successo e, soprattutto, possono mostrare alle aziende la forza di un punto di vista innovativo, creativo ed empatico, com’è quello delle donne leader di tutto il mondo.