Premenopausa: come riconoscerla e affrontarla?

Premenopausa: come riconoscerla e affrontarla?

Sintomi, durata, e consigli utili

Come riconoscere la premenopausa

La premenopausa, conosciuta anche come perimenopausa, è un periodo di transizione naturale che anticipa la menopausa, ovvero la fine dell’età riproduttiva di una donna.

Ma a cosa è dovuta esattamente?
Con l’avanzare dell’età, i livelli di estrogeni e del progesterone diminuiscono, innescando una serie di cambiamenti ormonali e fisiologici che possono influenzare a loro volta la salute fisica ma anche il benessere emotivo.

Nonostante le sfide che può comportare, con la giusta informazione e supporto la premenopausa può essere gestita in modo efficace. In questo articolo, vedremo come riconoscere e monitorare i suoi segnali per affrontarla al meglio!

A che età inizia la premenopausa?

Attualmente, non esiste un metodo scientifico o un calcolo preciso che preveda l’inizio della premenopausa. Questo, infatti, può dipendere da una varietà di fattori, tra cui la genetica, lo stile di vita, e la salute generale.

Di solito, i primi segnali e i disturbi della premenopausa si manifestano intorno ai 40 anni, ma alcune donne iniziano a sperimentare i primi sintomi della premenopausa anche intorno ai 35 anni.

Anche la durata della premenopausa può variare, ma generalmente la sua media si aggira intorno ai 4 anni.

Quali sono i sintomi della premenopausa?

I sintomi della premenopausa

I sintomi della premenopausa possono cambiare notevolmente da persona a persona. Alcune donne potrebbero non notare cambiamenti significativi, mentre altre potrebbero sperimentare sintomi fisici e psicologici che influenzano in modo significativo la loro vita quotidiana.

Il primo segnale ad apparire durante la premenopausa è il cambiamento del ciclo mestruale. Questo può manifestarsi con cicli mestruali irregolari e flussi più abbondanti o più leggeri del solito.

Gli altri sintomi fisici più comuni sono:

  • Vampate di calore
  • Sudorazione notturna
  • Stanchezza
  • Dolori muscolari
  • Aumento di peso
  • Riduzione della libido
  • Secchezza vaginale.

I sintomi psicologici possono invece includere:

  • Sbalzi d’umore
  • Problemi di sonno
  • Problemi di memoria.

Questi sintomi possono manifestarsi gradualmente, iniziando molti anni prima della menopausa vera e propria. Se si sospetta di essere in premenopausa è importante consultare un professionista sanitario. In alcuni casi infatti, i sintomi potrebbero aggravarsi fino a diventare un motivo di preoccupazione.

È particolarmente importante contattare un medico se si verificano mestruazioni molto intense o con presenza di coaguli e una significativa diminuzione dell’intervallo tra le mestruazioni.

Rimedi e consigli per affrontare al meglio la premenopausa

Consigli per la premenopausa

Anche se non esiste un trattamento specifico per la premenopausa, esistono diversi modi per gestire i sintomi e migliorare la qualità della vita durante questo periodo.

Per prima cosa, mantenere uno stile di vita sano, che includa una dieta equilibrata, esercizio fisico regolare, un sonno adeguato e la gestione dello stress, può aiutare a gestire molti dei sintomi della premenopausa.

Alcuni disturbi invece, come le vampate di calore e la secchezza vaginale, possono essere trattati con farmaci o terapie ormonali. In alcuni casi, potrebbe essere utile ricorrere a rimedi naturali come l’agopuntura, l’erboristeria, o tecniche di rilassamento e meditazione.

Ogni donna vive la premenopausa in modo diverso. Non esiste un approccio universale, quindi è importante consultare il proprio medico o un altro professionista della salute per sviluppare un piano di gestione dei sintomi personalizzato.