Top cucina: come scegliere il mix perfetto tra colori ed effetti

Top cucina: come scegliere il mix perfetto tra colori ed effetti

Il top cucina è un elemento essenziale di questo ambiente della casa. Utile e funzionale, se scelto con cura è in grado di giocare un ruolo di primo piano nella definizione dello stile e dell’estetica della stanza.

In commercio è possibile trovare svariate tipologie e modelli di piani lavoro per la cucina, ma tra i migliori, per caratteristiche tecniche e versatilità, rientrano i rivestimenti in gres porcellanato. Materiale resistente e facile da pulire, consente di scegliere non solo tra una vasta gamma di colori, ma anche tra numerosi effetti, dalla pietra al metallo.

Questo articolo offre utili consigli per scegliere il mix colore-effetto del top cucina che meglio si adatta alla propria casa.

I vantaggi del gres porcellanato

Il gres porcellanato è un materiale capace di resistere alla perfezione non solo a graffi e usura, ma anche a umidità, detergenti chimici, shock termici e temperature elevate. Inoltre, se esposto alla luce diretta del sole, non sbiadisce. Queste caratteristiche fanno sì che il top cucina in gres duri a lungo e non si rovini facilmente.

Tra gli elementi che lo rendono ideale per la cucina rientrano anche la sua non porosità, la quale lo rende un materiale igienico e facile da pulire, e l’assenza di formaldeide, composti del petrolio o altri elementi inquinanti o tossici.

Optando ad esempio per un rivestimento del top cucina in gres porcellanato realizzato da un marchio rinomato come Atlas Plan, azienda specializzata nella produzione di lastre di gres porcellanato di grandi dimensioni, si può inoltre contare su prodotti di qualità, certificati NSF per il contatto con i prodotti alimentari, caratterizzati da un’estrema versatilità estetica e ideali per dare vita ad ambienti arricchiti con rivestimenti e finiture coordinate.

Come scegliere il giusto mix colore-effetto

I rivestimenti in gres per top cucina sono disponibili in tante colorazioni, molte delle quali arricchite con effetti materici diversi.

Chi vuole completare la propria cucina con un rivestimento bianco, può sceglierne uno arricchito con un raffinato effetto marmo, ideale per gli ambienti più eleganti e sofisticati. A seconda dei casi e dell’effetto desiderato, si può puntare su lastre dalle tonalità calde che imitano alla perfezione la nobile delicatezza delle venature del travertino o sul bianco più freddo del marmo statuario, con venature grigie. L’eleganza del marmo si abbina alla perfezione anche al nero, al grigio e alle più raffinate tonalità del verde.

Se non si vuole rinunciare al gres bianco, ma il marmo non è adatto allo stile della cucina, è possibile orientarsi sull’effetto cemento, ideale per gli ambienti minimal, moderni e stile industrial. L’effetto cemento per ambienti minimal e industrial offre ottime soluzioni anche nelle tonalità grigie e nere, mentre nelle sue varianti beige e sabbia permette di creare ambienti moderni dai tratti caldi e terrosi.

Per sfruttare al massimo la forza del top cucina nero, oltre all’elegante marmo si può puntare su un effetto metallo ossidato, dal carattere contemporaneo e deciso, o su un più materico effetto lava. Mentre chi vuole completare la cucina con un top grigio, può optate per un piacevole effetto pietra.

Beige e marrone danno, infine, il meglio di sé quando abbinati al meraviglioso effetto legno.